Appuntamenti

TESORI NASCOSTI Rarità floristiche in provincia di Sondrio

Condividi

24.6.2022 — 20:30/22:00

TESORI NASCOSTI Rarità floristiche in provincia di Sondrio

venerdì 24 giugno alle ore 20.30

Presentazione del libro "TESORI NASCOSTI Rarità floristiche in provincia di Sondrio" , ED. Lyasis, a cura del Gruppo Floristico "Massara"

Alcuni anni fa un manipolo di appassionati botanici si è aggregato in una piccola associazione del tutto informale denominata Gruppo Floristico “Massara” in onore di Giuseppe Filippo Massara, vissuto nella prima metà dell’ ‘800 e considerato il “padre ” della botanica sondriese. L’obiettivo del gruppo è quello di migliorare e aggiornare continuamente le conoscenze sulla flora spontanea della provincia di Sondrio mediante l’esplorazione minuziosa del territorio e l’elaborazione delle informazioni raccolte sul campograzie all’utilizzo di programmi informatici di gestione e archiviazione dati.

Quest’attività di ricerca ha portato, in anni recenti, alla gratificante scoperta di specie del tutto nuove e mai segnalate prima nel territorio, oppure alla confortante riconferma della presenza di piante di cui mancavano notizie da molto tempo. È stato inoltre possibile ridisegnare una mappa preliminare di quelle specie che possiamo considerare vere rarità per la provincia di Sondrio, sia per ragioni naturali, sia perché in via di scomparsa in seguito alla contrazione dei loro habitat alterati o snaturati dall’uomo.

Con questo volume si è voluto così presentare a chi risiede o frequenta abitualmente la provincia di Sondrio quelle che possono considerarsi, per le conoscenze attuali, le specie botaniche meno comuni e più interessantipresenti, tali da conferire pregio naturalistico al territorio e valorizzare la sua biodiversità, con l’intenzione di spingere e stimolare chiunque abbia un occhio attento al mondo naturale ad una migliore osservazione del mondo verde che lo circonda e (perché no?) contribuire al lavoro di ricerca insieme al nostro gruppo.

Evento in presenza presso il Museo e in streaming sul canale Youtube del Museo.

Ingresso libero. Info: [email protected]

Condividi